Site icon Ricorsi Legali

Choc! Dentista condannato a 5 anni: Scopri la scioccante storia di una bambina di 4 anni!

Dentista condannato

Dentista condannato

Un dentista è stato condannato a cinque anni di carcere per aver causato gravi danni cerebrali a una bambina di quattro anni. La piccola, identificata come Nevaeh Hall, non è più in grado di camminare, vedere o parlare. È passato già un lungo periodo di sette anni da quando la bambina ha subito l’errore medico durante una visita dall’exodontoiatra Bethaniel Jefferson.

La tragica vicenda della bambina di quattro anni di Houston, negli Stati Uniti, ha avuto luogo nel 2016, quando ha partecipato a un appuntamento odontoiatrico. Durante il trattamento, a seguito di un procedimento errato, la bambina ha iniziato a convulsionare, costringendo il dentista a somministrarle farmaci di emergenza e a chiamare il pronto soccorso.

È fondamentale che le persone si rivolgano a dentisti competenti, in grado di fornire un trattamento adeguato in caso si verifichino situazioni simili. L’exodontoiatra è stata condannata a cinque anni di libertà condizionale. Tuttavia, il farmaco utilizzato da Bethaniel Jefferson ha provocato una bassa saturazione di ossigeno nella bambina per diverse ore, causando un grave danno cerebrale identificato come ipossico-ischemico.

La vita della bambina è stata drasticamente modificata da quel momento in poi. Dopo l’emergenza, la piccola non è stata più in grado di vedere, parlare, camminare o mangiare autonomamente, come ha rivelato la sua famiglia ai media. La storia ha rapidamente fatto il giro dei social media.

Questa settimana, Bethaniel Jefferson è stata condannata a cinque anni di libertà condizionale per il suo errore medico che ha causato danni irreversibili alla bambina. La stessa exodontoiatra ha dichiarato la sua colpevolezza. Nonna della bambina ha espresso il suo disappunto affermando: “Abbiamo aspettato quasi otto anni, abbiamo affrontato il processo e tutto il resto. Ed è molto deludente. È molto deludente perché lei può camminare liberamente, vivere la sua vita e fare i suoi affari. Ma noi abbiamo qui Neveah che, sai, non abbiamo potuto vederla iniziare la scuola.”

Quando le è stato chiesto se era d’accordo con la sentenza inflitta all’exodontoiatra, ha risposto: “Non possiamo nemmeno vederla camminare e giocare. Quindi, no, penso che la decisione sia stata molto ingiusta e non si è fatta giustizia. Siamo molto delusi questa settimana a nome di mia figlia, mio genero e di tutta la nostra famiglia. Speravamo che passasse del tempo in carcere. Stavamo pregando per questo. Quindi no, non è stata una sentenza giusta affatto.”

In un’altra tragica vicenda, una bambina di cinque anni è morta sabato a causa dell’impatto di un aereo del gruppo acrobatico Frecce Tricolori delle Forze Aeree Italiane durante una manifestazione presso l’Aero Club di Torino a Caselle, a nord di Torino. Il fratello nove anni della bambina ha riportato gravi ustioni su tutto il corpo. Entrambi i genitori e il pilota sono stati feriti, ma non sono in pericolo di vita.

Exit mobile version